Come ho scoperto il piacere della prostata

Molti degli uomini che hanno risposto alla nostra richiesta di testimonianze hanno scoperto il piacere anale da soli, attraverso la masturbazione. Questo è stato il caso, per esempio, di Fausto, che ora ha 29 anni:

"Mi sono reso conto abbastanza naturalmente che l'ano e i suoi dintorni provocavano sensazioni non sgradevoli. Combinato con la masturbazione "classica", è stato molto piacevole. Poi, col passare del tempo, sono salito di scala, da un dito a un plug, a un massaggiatore prostatico e ora anche a un dildo.

Per quanto riguarda Edoardo, ha iniziato a scoprire il suo ano come un duo, ma anche in modo molto graduale:

"Una ex ragazza aveva mani vaganti e ho scoperto che avevo dei seri brividi quando mi toccava le natiche. Quando ha insistito nel toccarmi le natiche, è andata sempre peggio. O sempre meglio. Ero sempre più imbarazzato, ma avevo sempre più piacere. Poi, con il '69, tendeva a venire a leccare quella zona. Ero molto sensibile ad esso ed era davvero eccitante. Oggi non posso più farne a meno”.

 

Parlatene con il partner

Una volta convinti dalle loro prime esperienze in solitaria, alcuni volevano integrare la pratica nelle loro relazioni. Ma come si fa a dire a qualcuno che ti piace essere stimolato nell'ano, che per molti è inaspettato e pieno di idee preconcette? Fausto conferma che l'argomento non è sempre facile da affrontare:

"Per gli uomini, è chiaramente un vaso di Pandora che non osiamo toccare perché se ti metti qualcosa nelle natiche, sei immediatamente considerato un "omo represso". Nelle discussioni, ho notato che era molto più facile per me aprirmi e parlarne con le donne, che sono più interessate all'esperienza e all'apertura mentale. Anche per Simone, parlare di questa "dipendenza" è a volte fonte di ansia:

"È sempre un po' strano pensare che dovrò parlarne con le mie potenziali future fidanzate. È il tipo di argomento che spero di poter tirare fuori nelle mie future relazioni, sperando di trovare qualcuno che non abbia tabù sull'argomento. Nicola non ha dovuto porsi questa domanda, perché è stata la sua partner a lanciare l'idea:

"Ha insistito per molti mesi. All'inizio ero molto imbarazzato. Prima di iniziare c'è bisogno di un'enorme quantità di fiducia e di rispetto. Marco preferiva usare una tecnica più giocosa per mostrare alla sua ragazza il suo desiderio:

"Abbiamo fatto un gioco tipo "io ti faccio una domanda intima, tu mi fai una domanda intima", con il diritto a un jolly. È così che gliel’ho detto. In effetti, me ne vergognavo più di lei. L'abbiamo provato una volta, lei è rimasta impressionata dall'intensità delle mie reazioni… e anch'io!

Claudio, da parte sua, affronta l'argomento solo quando riceve in qualche modo dei segnali che potrebbero interessare il suo partner:

"Spesso sono io a suggerire l'anilingus o il ditalino al mio partner, e poi vedo se questo apre la discussione sul mio piacere anale. Lo presento sempre come se fosse per il mio piacere, sia per la penetrazione anale in sé, ma anche per la diversa relazione di potere che può creare nel sesso".

Per altri, il desiderio si è tradotto in pratica con una certa fluidità:

"Non so bene come sia successo, ma entrambi avevamo il desiderio di scoprire qualcosa sul mio sedere. I suoi tentativi combinati con i miei piccoli accenni… una cosa tira l'altra. Volevo farlo, è qualcosa che le piace: quindi non c'è stata nessuna discussione in quanto tale. Ma anche quando le cose accadono naturalmente, parlare è un passo necessario per identificare i desideri e i limiti di ogni persona. Perché se a tutti questi uomini piace farsi toccare la prostata, non tutti apprezzano la stessa stimolazione”.

Per godere appieno della stimolazione prostatica è necessario che questa ghiandola sia in buona salute. Se così non fosse è possibile intervenite con appositi integratori naturali che aiutano il benessere della prostata: l’esperto Gregorio di Marco suggerisce i più validi su uomoalpha.it.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.